BIOGRAFIA 

Priolo nasce nell'antica Nicastro, oggi Lamezia Terme (CZ) il 7 giugno del 1925. Entra nel mondo dell'arte, ufficialmente, nel Natale 1975 dopo un prestigioso premio a Roma "Un manifesto per Via Condotti"della critica italiana piu' rappresentativa, nonche' di personalita' straniere. Presidente Renato Gottuso..e fra i componenti la Commissione nomi di prestigio... La formazione artistica pero' affonda le radici nella prima infanzia. Nel 1938-39 frequenta l'Istituto Professionale segue poi gli studi classici mentre nasce la passione per l'arte. A Roma dal 1946 visita saltuariamente studi d'arte gallerie la Biblioteca Nazionale. Studia Michelangelo, Raffaello, Giorgione, Leonardo Tiziano, ... e poi Van Gogh, Cezanne, Renoir,Corot,De Chirico,Picasso .... Dal 1968 frequenta l'ambiente artistico romano che ruota intormo a via Margutta; qui porta le sue prime esperienze, esponendo sui nudi muri con altri artisti maturando la sua vera formazione artistica e conoscendo grandi nomi del momento De Chirico, Cagli, Guttuso e galleristi come Russo di Piazza di Spagna. Forma un gruppo d'avanguardia "Gruppo Marguttiano dei 7" mentre avvia contatti con associazioni euro-americane. Mentre in Italia dilagano le violenze e il terrorismo delle brigate rosse con rapimenti e uccisioni di uomini illustri (fra cui lo statista Aldo Moro) persistono in molte zone del mondo prepotenze ingiustizie sociali, ricatti, vizi, droga; esplode il nucleare di Cernobyl. Priolo realizza l'opera storico-sociale "Aldo Moro nella leggenda" in 305 miniature simili a francobolli in b/n, suddivise in 33 tavole ad immagini, che rievocano la tragica vicenda. Priolo lancia da Montopoli Sabina (Ri) nel marzo 1987 il Manifesto del Trans-Futurismo Esistenziale che l'ANSA diffonde come documento storico letterario il 23 marzo 1987. Intanto partecipa a manifestazioni, biennali, mostre personali e collettive: Venezia, Ferrara, Milano, Bologna, Torino, Firenze, Napoli,Messina, Palermo, Roma (Palazzo Esposizione) e poi Fiere d'Arte Internazionali Ginevra, Basel, Madrid, Parigi, New York, Bari.... Partecipa anche a Mostre Annuali di arte sacra. Nell86 e'¨ nella pattuglia dei pittori dall'Italia a Los Angeles".A giugno del 1987 e'¨ presente al Mundial Artistique Art-Vie di Parigi." Nel 1991, presenta a Rieti il Documento del Secondo Romanticismo. Mostre storiche "Aldo Moro nella leggenda"a Torrita Tiberina maggio 85; "PRIOLO NUOVI CAPOLAVORI" nel marzo 1993 in onore di Papa Woityla (presentazione di L.Tallarico e pubblicazione omonimo album a colori), antologica. La presenza nel dicembre 1994 ai 100 Presepi nelle Sale del Bramante di Piazza del Popolo a Roma col "Presepe 86" ad "indura". Premi e riconoscimenti costellano l'attivita'  artistica. Tra i premi piu' importanti: "Un manifesto per Via Condotti" Roma 1975; "Gran Premio Gemellaggio Roma-Parigi", 1978; Oscar internazionale per la Pittura - Roma 1979; "Oscar Claudio Monteverdi"; "Gran Trofeo Virgilio d'Oro" Milano 1981; "David d'Oro" Firenze 1982; Premio "Buchkardt Capidoglio d'Oro" Roma 1983; Premio "Fontane di Roma" Roma 1989 Premio" Humanitas" Roma 1987 Critici:   Guttuso, Guzzi, Fagiolo, Trucchi, Morini Berenice,Falk, Biagioli, Gazzoli, Hart Parisi, Stagno, Tecardi,Parcella, Giannattasio Gallo, Carli, Palitta, Scheible,Pagani Paolino Bellezza, Pericoli, Margaritelli, Lucania,Greco Tallarico, Arconti, Giordano, Lo Schiavo,Vanoli Bertozzi, Mauritius, Di Mario, Giusti, Fabiani Patroni Griffi,Amorosino, Moroni. Bibliografia essenziale: "Catalogo Internazionale d'Arte Contemporanea - A." 1985 Ferrara; Catalogo "Artists of European Community" anno 1985 Bologna; Annuario d'Arte Moderna italiana - anno 1993-95 Roma; "Da Cimabue al 900-Vite dei Grandi dell'Arte" Milano "Capolavori dell'Arte e della Letteratura" Milano "Prestige de la Peinture et la Sculpture d'Aujord'hui dans le Monde" Paris Il suo nome e' inserito in Archivi Storici di consultazione di Arte Moderna e Contemporanea. Le sue pubblicazioni sono presenti anche in biblioteche di scuole, comuni, Universita'. Si spegne  nella sua casa a Montopoli di Sabina nell'ottobre del 2010.

studiotonypriolo@gmail.com

Copyright © tonypriolo.it ® 1998-2015